lunedì 17 novembre 2008

Giancarlo 2003


Che ragazzino!!!

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Giancarlo, dovresti scrivere come cominciasti a Polignano con la prima vela fatta in casa, in un tempo in cui in Italia appena si sapeva che esistevano anche barche a vela. Non credo che tutti i nostri nipoti e nipotini ne siano informati.
Silvio

Eva ha detto...

Ho letto qualche tempo fa il libro di memorie velistiche di zio. Chiarisce molte cose, a me figlia dell'unico Basile che soffre di mal di mare...

Anonimo ha detto...

Il mal di mare, inteso come disturbo al senso dell'equilibrio accompagnato da nausea, non è stato sofferto solo da me, ma anche da zio Guido, che come me nella prima infanzia ebbe l'otite, che ne è la causa più frequente.
Inteso però come fissazione per la barca a vela, il mal di mare è stato sofferto da tutti gli altri fratelli, fuorché da me. Io ho sofferto di altre fissazioni.
Il tuo vecchio genitor.