venerdì 10 aprile 2009

Ritorno al passato

Questa foto è stata scattata nel settembre del 1962, quando abitavamo a Bari in via Oriani. Era un periodo particolare della nostra storia. Due anni dopo la morte del nonno, ci trasferimmo a Bari: Fu una decisione saggia e ponderata; eravamo quattro studenti pendolari, che avrebbero smesso di viaggiare. Inoltre a Bari avevamo svariati parenti, tra i quali in particolare il fratello di nonna Ida, Zio Peppino, che aveva sollecitato la nostra venuta a Bari promettendo il suo sostegno. Purtroppo zio Peppino morì poche settimane dopo il nostro trasloco, che comportò non pochi disagi. Primo fra tutti il passaggio da una casa grande, spaziosa, con stanze a volte a crociera affrescate, altezza sui 5 metri ad un appartamento in uno stabile moderno in cemento armato, stanze piccole soffitto a 3 mt. Zia Mariella si sentiva soffocata! Inoltre lasciavamo gli amici e le abitudini paesane. Fu certamente per tutti noi, nonna compreso, un passaggio traumatico. Tornando alla foto, vedete come era bella la nonna a 62 anni!
Ciao a tutti i discendenti ai quali auguro una buona Pasqua!
Zio Fulvio

7 commenti:

Eva ha detto...

grazie zione di questo ricordo, non ne sapevo nulla, aggiungi un tessera alla mia storia familiare.
la nonna era una bella signora, ma tu, tu si che eri un bel giovanotto!!
buona Pasqua e te e a tutti

Piero ha detto...

Nel 1962 mamma aveva 62 anni che se li portava magnificamente bene, anche i trentacinque successivi. Piero

stefania ha detto...

certo il trasloco deve essere stato un vero trauma per voi. pur non avendo una casa con soffitti alti 5 metri mi rendo conto che sono troppo abituata agli ampi spazi della nostra casa e del nostro giardino per pensare di vivere altrove!
la nonna era più che in perfetta forma, a 62 anni ne dimostra almeno 10 di meno e il giovane zio fulvio era proprio un bel giovane!

elena ha detto...

Ma la foto da che angolo e' presa? da un balcone? a che piano abitavate?
io mi ricordo dell'appartamento vicino via Napoli, adesso non ricordo piu' la via, questo e' lo stesso?

Eva ha detto...

la casa in cui ho trascorso l'infanzia (la ricordo benissimo!) era in via Murat.
Questa foto sarà stata scattata da un altro balcone, non vedo altra possibilità

Anonimo ha detto...

E che credevi, Eva, che con la sola eccezione di zio Guido, il bello (come quale dei due Filippi?), i tuoi zii fossero tutti dei gran racchioni?
Racchio – lo ammetto volentieri anche per i vantaggi che me ne derivarono – ero felicemente io, per via di un gran nasone dalle inutili sproporzioni. Ma gli altri, beata gioventù aiutando, erano belli tutti per davvero (prima di ricevere l'oltraggio della calvizie, s'intende).
Il tuo vecchio (e racchio) genitor

Anonimo ha detto...

Scusa Fulvio, ma quante case avete cambiato a Bari?
Io ero fuori sede, ed è possibile che il nome della via di qualcuna mi sia sfuggito o l'abbia poi dimenticato. Ricordo però solo via Gioacchino Murat e via della Costituente. Non ricordo via Oriani.
Ciao
Silvio